Grazie!

E’ per un profondo senso di gratitudine che riprendo a scrivere sul blog.

Ho appena ricevuto in regalo Expect Miracles di Joe Vitale da una coppia di Amici che ringrazio davvero molto e questo fatto ha innescato un moto di commozione tant’è che anche mentre scrivo mi scendono le lacrime.

Mi rendo conto che non è solo per il libro, questo piccolo gesto d’affetto è stata una scintilla per smuovere un moto di gratitudine che mi accompagna ogni giorno della mia vita ma che spesso fa fatica ad uscire allo scoperto.

Sì, sono davvero grata alla vita e all’Universo per quello che sono e che ho, grata per le persone che mi circondano e mi amano, grata per la mia famiglia e gli amici, grata per la salute e per la serenità con la quale posso svegliarmi ogni mattina.

La mia vita è già piena di miracoli e come potrebbe non commuovermi tutto questo ma a volte mi capita di darlo per scontato.

Per il futuro auguro a tutti voi di avere molte occasioni per essere grati e la saggezza di riconoscerle. Se ci pensate bene, il solo fatto di avere la possibilità di leggere questo post implica molti motivi per essere grati, vi invito a pensare a tutte le altre cose ben più importanti che ci sono già anche nelle vostre vite.

Dal profondo del mio cuore vi auguro Buone Feste.

Arrivederci al prossimo anno. Eleonora

Expect Miracles

Da non perdere


Ho-Oponopono

MI DISPIACE, SCUSA-PERDONAMI,GRAZIE, TI AMO

 


MI DISPIACE di non farmi viva da un pò di tempo, di non condividere con voi le mie emozioni o quello che mi accade e che potrebbe esservi utile, siete sempre nel mio cuore ma sarebbe bene anche dimostrarlo di tanto in tanto.


SCUSA-PERDONAMI perchè non vi ho ancora ringraziato per le tante iscrizioni che arrivano a questo blog come segno di apprezzamento.


GRAZIE, lo faccio ora anche per le volte che ho apprezzato i vostri commenti e le vostre gradite visite e non ve l’ho detto.


TI AMO, vi voglio davvero tanto bene, senza di voi il blog non avrebbe motivo di esistere.


Mi dispiace, scusa-perdonami, grazie, ti amo, alla splendida Giovanna da cui ho scaricato per la prima volta il suo splendido report sull’Ho-Oponopono e a quella fantastica triade Josaya che lo ha diffuso.

Grazie ragazzi, vi voglio un mondo di bene.

Ely

Macrolibrarsi.it presenta il libro: Ho'oponopono di Mabel Katz


Basterebbe ascoltare la propria anima

fiammella


Fino a qualche giorno fa, pur sapendo che siamo un insieme di anima, mente e corpo, non ero ancora riuscita ad individuare dentro di me quella parte che è piu’ difficile da definire, ossia l’anima. Quando pensavo all’anima pensavo a qualcosa di etereo, difficilmente descrivibile con la mente razionale e non avrei mai pensato di poterla “vedere”.

 

L’altro fine settimana invece, ho partecipato ad una sessione di “Costellazioni familiari” con la splendida Eugenia Ortolani e la mia sorpresa piu’ grande è stata poter vedere la mia anima, il suo modo di interagire con le persone, il suo malessere per il fatto che non sto facendo quello che avevo scelto di sperimentare in questa vita terrena e per il fatto di non ricordare perché mi trovo qui adesso.

 

Ho realizzato che è molto piu’ semplice di quanto si creda vivere la propria vita pienamente quando “so chi sono” e “cosa sono venuta a fare in questo mondo”, diventa tutto piu’ chiaro e ci si focalizza sulle vere intenzioni della nostra anima. Questo percorso mi ha davvero emozionato e stimolato ancora di piu’ ad indagare sullo scopo della mia vita. Dopo tutti questi anni di “amnesia” sono felice di aver trovato uno strumento per “ricordare”.

 

Già, il termine giusto è “ricordare” perché, come scriveva spesso Neal Donald Walsch nelle “Conversazioni con Dio”, non siamo venuti su questa terra per imparare,  sappiamo già tutto,  abbiamo scelto di incarnarci per “ricordare” e sperimentare tutti gli aspetti dell’essere umano.

 

Alla luce di questa mia nuova consapevolezza, sono sorpresa per la semplicità con la quale ognuno di noi potrebbe vivere la propria vita pienamente consapevole del proprio scopo, basterebbe ascoltare la propria anima.

Per approfondire:

 

Aneddoti e brevi racconti
ISBN: 8848115713

Prezzo € 13,90

Compralo su Macrolibrarsi

Esperienze, riflessioni, esempi
ISBN: 9788848122320

Prezzo € 13,90

Compralo su Macrolibrarsi

La forza rivelatrice delle costellazioni familiari

Prezzo € 13,00

Compralo su Macrolibrarsi


Neanch’io conoscevo Aldo…

…così, l’altra mattina gli ho scritto una mail dicendogli che avrei voluto conoscerlo meglio. Il pomeriggio stesso, stavamo chiacchierando come vecchi amici. Gli ho raccontato delle due “coincidenze” che già ci legavano e chissà quali altre ne verranno fuori in seguito.


Va bene :-) ora vi dico di chi sto parlando. Sto parlando di Aldo Mauro Bottura un imprenditore, un formatore ma soprattutto uno splendido essere umano di cui avevo sentito parlare, che ritrovavo spesso girando nel web e che solo ora stavo scoprendo davvero attraverso il suo libro Un uomo e il suo sogno avuto da un caro amico, Fabrizio, il quale ha avviato l’associazione Aquile di Cristallo Nordest a Trieste.


Con Fabrizio si rifletteva sul fatto che, a volte,  si prova resistenza di fronte ad una persona che temi ti possa sconvolgere la vita, anche se in meglio…ah, benedetta paura del cambiamento ;-). Forse per questo non avevo voluto approfondire questa conoscenza finora. Però, già un pò di tempo fa, avevo deciso che non volevo subire le mie paure ma affrontarle, così ho deciso che farò i suoi corsi perchè sento che è arrivato il momento di migliorare in quelle aree non ancora risolte.


Dopo aver parlato con lui, ci sono molte cose che mi hanno fatto prendere questa decisione ma quella più significativa è stata quando ha detto: “I miei corsi iniziano quando entri la prima volta e terminano quando hai scoperto chi sei e cosa vuoi fare”.


Beh, credo che sia proprio questo il segreto dei suoi corsi, lui non abbandona e non dimentica i suoi studenti alla fine del corso ed è sempre disponibile ad aiutarti, anche se non sei ancora un suo studente, come è capitato a me l’altro giorno.

Che dirti di più, Aldo, se non un bel grazie e arrivederci a presto. Un abbraccio, Eleonora

Regole base per cambiare la propria vita
ISBN: 9788879068789

Prezzo € 13,90

Compralo su Macrolibrarsi


Auguri per un anno pieno di scelte!

Questo è uno dei brani che più mi hanno aiutato in questo anno passato e ringrazio tanto il trainer Ignacio Malerba per avermelo fatto conoscere.

Ve lo dedico con la speranza che possa esservi utile durante il nuovo anno. Il più bel regalo che possiate fare a voi stessi è di concedervi la libertà di scegliere sempre e comunque. Un abbraccio lungo tutto il 2010!!!

Glitter di natale by Follettarosa

 

PADRONE DELLE MIE EMOZIONI

Oggi sarò padrone delle mie emozioni.

Se mi sento depresso, canterò.

Se mi sento triste, riderò.

Se mi sento malato, raddoppierò il mio lavoro.

Se sento paura, mi lancerò in avanti.

Se mi sento inferiore,  vestirò nuovi panni.

Se mi sento insicuro, alzerò la mia voce.

Se mi sento in povertà, penserò alla ricchezza futura.

Se mi sento insignificante, ricorderò i miei obiettivi.

 

Oggi sarò padrone delle mie emozioni.

Se si impadronisce di me la fiducia eccessiva, ricorderò i miei fallimenti.

Se mi sento incline a portarmi in eccesso sulla “bella vita”, ricorderò la miseria passata.

Se sento compiacenza, ricorderò i miei concorrenti.

Se godo di momenti di grandezza, ricorderò momenti di vergogna.

Se mi sento onnipotente, cercherò di fermare il vento.

Se raggiungo grandi ricchezze, ricorderò una bocca affamata.

Se mi sento orgoglioso in eccesso, ricorderò un momento di debolezza.

Se penso che la mia abilità non ha eguali, contemplerò le stelle.

In definitiva, oggi sarò padrone delle mie emozioni.

OG MANDINO


Il quinto specchio esseno

Ognuno di noi forse ha un ideale di madre nella mente. A volte questa immagine rispecchia com’è realmente la propria ma a volte ci si ritrova a pensare che si vorrebbe o si sarebbe voluta una persona completamente diversa a ricoprire quel ruolo tanto importante.

Così capita, come sta capitando a me da qualche anno, di giudicare l’operato di mia madre, di criticarla, anche se solo dentro di me, per il suo vittimismo che mi ha fatto sentire a mia volta vittima delle sue manipolazioni portate avanti da malattie che, sono convinta, ha utilizzato per ottenere cure ed attenzioni.

Essendo così concentrata dalle malattie non è stata capace di dimostrarmi il suo amore “come io mi sarei aspettata” e spesso l’ho giudicata di non prendersi la piena responsabilità della sua vita e delle sue scelte.

Va da sè, che neanch’io sarò stata quella figlia che lei si sarebbe aspettata, tutti i suoi atteggiamenti negli ultimi anni mi stavano esaurendo e cercavo di starle lontana il più possibile. Ero molto arrabbiata con lei e volevo evitare di trattarla male rinfacciandole le sue mancanze nei miei confronti.

In questi anni ho capito però che devo ringraziarla perchè la mia ricerca spirituale, il mio bisogno di stare bene con me stessa, di prendermi le responsabilità con mio figlio e molte altre cose le devo proprio grazie al fatto di aver avuto i genitori che ho avuto. Già, mio padre era alcolista ed è morto di cirrosi epatica quando avevo sette anni, ma questa è un’altra storia.

Ad un certo punto, la mia cara amica Anna mi ha fatto conoscere “I sette specchi esseni” e tra tutte le altre strade che potevano farmi capire ed integrare questa esperienza, questa è quella che prediligo ed a cui faccio riferimento per dare un senso alla sofferenza passata e presente.

I sette specchi esseni a cui mi riferisco sono quelli discussi da Gregg Braden nella sua videoconferenza “Camminare tra i mondi” e trattano dei sette misteri corrispondenti ai vari tipi di rapporto che noi esseri umani sperimentiamo nella nostra vita di relazione.

Il 5° specchio esseno è il più potente in assoluto, descrive Gregg Braden, perchè è lo specchio che ci mostra i nostri genitori nel corso della nostra interazione con loro, eccone un estratto:

IL 5° SPECCHIO ESSENO
Nella mia opinione questo modello di rapporti umani, il quinto specchio esseno, è forse il più potente
in assoluto, perché credo ci permetta di vedere meglio e più profondamente degli altri la ragione per
cui abbiamo vissuto la nostra vita in un dato modo. Esso rappresenta lo specchio che ci mostra i nostri
genitori nel corso della nostra interazione con loro.
Attraverso questo specchio ci viene chiesto di ammettere la possibilità che le azioni dei nostri genitori
verso di noi riflettano le nostre credenze e aspettative nei confronti di quello che potrebbe configurarsi
come il più sacro rapporto che ci sia dato di conoscere sulla Terra e cioè il rapporto fra noi e la nostra
Madre e il nostro Padre Celeste, vale a dire con l’aspetto maschile e femminile del nostro creatore, in
qualunque modo lo concepiamo.
E’ attraverso il rapporto con i nostri genitori, che essi ci mostrano le nostre aspettative e credenze…

Scarica tutto il pdf

I SETTE SPECCHI ESSENI

C’è anche un piccolo e molto potente esercizio da fare con il 5° specchio esseno anche se sono tutti molto belli ed illuminanti. Mi piacerebbe conoscere il vostro parere.

Scarica dal sito “Stazione celeste” la trascrizione della videoconferenza “Camminare tra i mondi”.


Cosa ci raccontano le malattie

E’ da un pò che ho un approccio olistico alle malattie e come per tutte le cose la curiosità mi ha fatto sempre scandagliare le motivazioni per le quali sorgono per poi scoprire che spesso siamo noi che più o meno inconsciamente gli prepariamo il terreno affinchè possano manifestarsi.

Già all’epoca del libro “Te stesso al cento per cento” si parlava di “supersalute” ovvero della naturale condizione dell’uomo ad essere sano.

Per diversi motivi, primo dei quali credo sia l’interesse economico delle case farmaceutiche, ci hanno convinto che è normale ammalarsi e che quando accade in nessun caso abbiamo il modo di fare a meno dei farmaci e dei medici.

Ora, nessuno nega il valore della medicina ufficiale per tutti i casi in cui si tratti di rischio della vita ma sarebbe utile che anche noi ci prendessimo la responsabilità delle nostri malesseri senza ricorrere sempre a qualche palliativo.
Se ascoltassimo di più i nostri corpi e gli fornissimo i giusti nutrimenti, il giusto riposo e riuscissimo a gestire le nostre emozioni sgradevoli (rabbia, ansia, paura, ecc.) ci renderemmo conto che abbiamo già tutti gli strumenti per vivere una vita naturalmente sana.

Se poi ci ammaliamo, prima di correre dal medico o prendere qualsiasi medicina, dovremmo conoscere il messaggio che sta dietro a quel ben determinato sintomo e chiederci perchè è stato colpito proprio quel determinato organo. Questo perchè ad ogni organo che si ammala è correlata un’emozione o una difficoltà che non riusciamo a superare se non ammalandoci.

Nei giorni scorsi ho sofferto di una infezione alle vie urinarie ed ho scoperto che è una manifestazione del dover “espellere”, “liberarsi da qualcosa” e credo sia legato alla situazione particolare che sto vivendo.

Anche malattie gravi come il cancro si manifestano in organi diversi a seconda dell’emozione che non riusciamo a gestire. Lo diceva a suo tempo anche il Dott. Hamer che per questo è stato anche imprigionato e bandito dall’albo. Ma le testimonianze sono tante e sapere qualcosa di più non è male. Perciò, se non lo state già facendo, vi suggerisco di prendervi la responsabilità delle vostre malattie ed indagare quali aspetti non avete ancora affrontato e guarito nella vostra vita.
Per approfondire:

Una visione chiara ed illuminante per la comprensione di tutte le malattie

Compralo su Macrolibrarsi

Questo prodotto è escluso da qualsiasi sconto

Prezzo € 8,50

Compralo su Macrolibrarsi

Medicina psicobiologica. La Nuova Medicina di Hamer, la nuova e rivoluzionaria teoria per la cura di cancro, Aids… e tante altre malattie
ISBN: 887507416X

Prezzo € 15,00

Compralo su Macrolibrarsi

Il valore e il messaggio della malattiasecondo la psicologia esoterica

Prezzo € 13,50

Compralo su Macrolibrarsi


Dal punto di vista dell’anima

fumo

C’è un sistema molto valido per riconoscere quello che sappiamo essere vero senza farci condizionare dalle esperienze di vita passata, da quello che gli altri ci possono dire oppure da quello che ci hanno insegnato come vero.

Possiamo sapere se una certa idea, opinione o credenza vada bene per noi in base all’emozione che ci procura. Possiamo sempre sapere se siamo coerenti con il nostro essere profondo quando di fronte ad un evento reagiamo in modo sereno e pacato perchè quella è la nostra verità e può tranquillamente andare controcorrente rispetto al pensare comune, anzi di solito è proprio così.

Se per un attimo, di fronte ad un evento particolarmente spiacevole, ci fermassimo ad ascoltarci e chiedessimo alla nostra anima qual’è il significato di quello che sta accadendo ci renderemmo conto che la risposta la sappiamo già ed è sempre più benevola rispetto a quella che ci rimanda la nostra mente. C’è un significato elevato anche riguardo i drammi e le tragedie, le guerre e le catastrofi naturali, l’odio, il razzismo, l’intolleranza, la pedofilia. Non sta a noi giudicare, e se fosse quello che queste anime hanno deciso di sperimentare il questa vita?

Potremmo scoprire che sapevano benissimo quale scelta stavano facendo prima di incarnarsi, ciò non significa fare finta che tutto questo non ci riguarda e non cercare di aiutare queste anime. Significa osservare questi eventi senza giudizio ed aiutare queste anime ad elevarsi in questa vita rispettando il percorso e l’esperienza che queste anime hanno scelto. Fermatevi un attimo ad occhi chiusi a sentire come la vostra anima percepisce questi concetti che ho trasmesso.

Tutto questo vi fa sentire più aperti e privi di giudizio? Vi fa sentire più liberi? Forse state etichettando questo come vaneggiamenti? Va bene anche questo perchè la vostra anima in questo momento desidera sperimentare anche questo e siete liberi di pensarlo. In attesa dei vostri commenti un abbraccio alle vostre anime.


Chi ha paura della morte?

tunnel di luce

Peccato non riusciate a vedere il mio sorriso ora, mentre sto immaginando cosa potrebbe passarvi per la testa in questo momento.
Di certo è che una buona parte di voi che ora state leggendo avete una gran voglia di uscire da questo blog, ma preferisco correre il rischio e continuare con questo post. Quelli che sono pronti a sentire parlare di morte senza spaventarsi sono certa che rimarranno.
Stamattina, mentre ero in macchina, stavo pensando che sarebbe stato giusto condividere le mie nuove consapevolezze sulla morte con chi fosse stato pronto a leggerle e a commentarle.

Non so voi, ma fino a qualche tempo fa, il solo termine “morte” mi faceva andare subito con la testa ad altri pensieri, come fa uno struzzo quando mette la testa sotto la sabbia, quasi che se non si nomina una cosa questa non esiste.

Invece circa un anno fa, ho cominciato a guardarla in faccia, mia madre si è ammalata di cancro e qualcosa mi ha fatto decidere di prepararmi all’inevitabile sua morte.
Poi si è ripresa ma ora il cancro è ricomparso e non ci sono più possibilità di guarigione, no piano, la medicina ufficiale ha alzato le braccia, io credo profondamente che le possibilità ci siano ma non si tratta della mia vita e mia madre ha scelto la medicina ufficiale.

Quindi ho ripreso a leggere ed informarmi su cosa accade dopo la morte e quello che ho scoperto è una cosa che mi rasserena molto. Ho intenzione di scrivere periodicamente un post che aiuti anche altre persone, che come me si trovano nella stessa situazione o che ci si sono trovate, a non chiudere gli occhi ma aprire il cuore perchè quello che ho imparato e che sento come vero può davvero cambiare l’approccio verso questo argomento fino ad abbracciarlo come la più bella esperienza per noi e per i nostri cari. Un abbraccio e a presto. Eleonora